Bourbon Day: il 14 giugno è la festa del whiskey made in USA

Il 14 giugno è il Bourbon Day. Negli Stati Uniti una festa per uno dei suoi simboli ma per molti un’occasione in più per aprire una bottiglia e brindare con amici. E voi siete pronti ad alzare i bicchieri?

Se siete degli estimatori o anche solo dei curiosi, oggi su @mint_drink, profilo Instagram del noto bartender Gabriele Stillitani ne scoprirete delle belle. O meglio, vi potrete deliziare di tre nuovi cocktail che il co-proprietario de La Dispensa di Lugano, locale trendy della città elvetica, ha ideato per celebrare il distillato che tanto lo appassiona. Un vero estimatore, oltre che grande professionista della mixology, che del whiskey americano è una sorta di portabandiera.

Tre ricette inedite che potrete facilmente replicare a casa vostra. L’Old Peated gli amanti dell’Old Fashioned; l’Apple Pie Sour al profumo di sidro di mela e il Bourbon Tea, un long drink perfetto per l’estate. Armatevi di shaker, procuratevi una buona bottiglia di bourbon e degli ingredienti che ora vi riporto, seguite la ricetta e festeggiate il Bourbon!

Old Peated

30 ml bourbon

20 ml liquore strega

10 ml kilchoman sanaig

10 ml sciroppo marshmallow

2 dash angostura bitter

Procedimento:

Versare direttamente in un bicchiere old fashioned 10 ml di sciroppo al marshmallow, ottenuto con 500 ml di zucchero liquido bollito con 100 gr di marshmallow, più 2 dash di angostura. Aggiungere il bourbon, il kilchoman, lo strega e riempire il bicchiere di ghiaccio. Mescolare per circa 20 secondi in modo da portare il drink a temperatura e a una giusta diluizione. Guarnire con una fettina di arancia essiccata.

 

Apple Pie Sour

30 ml bourbon

15 ml Calvados

30 ml succo limone

15 ml albume d’uovo

15 ml sciroppo d’acero al bacon (acquistabile nelle gastronomie asiatiche)

Procedimento:

Aggiungere tutti gli ingredienti elencati in uno shaker e agitare dapprima senza ghiaccio (dry shake) per montare l’albume. Poi ripetere l’operazione con il ghiaccio e versare in una coppa gelata con un doppio filtraggio (double strain). Terminare con qualche goccia di angostura e un ciuffetto di menta per guarnizione.

 

Bourbon Tea

40 ml bourbon

30 ml limone

15 ml sciroppo chinotto

Soda al tè di menta

Procedimento:

Prendere un tumbler alto e versare lo sciroppo di chinotto, ottenuto sgasando il chinotto in bottiglia prima agitandolo e poi aggiungendoci in proporzione lo zucchero (2:1). Mettere insieme anche il succo di limone in modo da far amalgamare gli ingredienti. Aggiungere il bourbon, riempire il bicchiere di ghiaccio e colmare con un top di soda al tè di menta. Per ottenerla basta fare un tè alla menta caldo, lasciarlo freddare, inserire il contenuto in un sifone della soda e gasarlo con una bomboletta di CO2. Decorare e profumare con un ciuffetto di menta fresca.

 

Author: Claudio Burdi

Claudio Burdi, nasce e vive da sempre a Milano. Giornalista pubblicista dal 2005 e blogger ha scritto e scrive di nightlife, ristorazione, eventi, turismo, food&beverage e tendenze per diverse testate nazionali (Corriere.it, Vivimilano.it, Leggo, Blogo.it, Nightlife, Intown magazine, Mixer, 02blog.it etc.), fin dal 2001. Esperto di licensing ha collaborato con le principali agenzie del settore che gestiscono i diritti per realizzare merchandising e promozioni. E' inoltre, da quindici anni pr, press officer e organizzatore di eventi per diverse aziende in vari settori merceologici: dall'enogastronomia al turismo, dall'entertainment alla televisione, dal beauty agli accessori. Da sempre amante del buon bere, del buon cibo e dei viaggi, frequenta location ed eventi, in Italia e all'estero, dedicandosi e vivendo con passione e piacere il mondo della notte. Entusiasta ed eclettico ha fatto di molti suoi interessi e del suo stile di vita una professione. La sua vicinanza con il panorama dei pubblici esercizi, locali e ristoranti, che visita per diletto e per lavoro, gli hanno permesso di sviluppare una profonda conoscenza e una spiccata sensibilità sul mondo del beverage e della ristorazione

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *