L’hamburger vegano di Al Mercato Steaks & Burgers

Un po’ di Stati Uniti, un po’ di Vietnam e un po’ di Europa per un hamburger vegano davvero wowowow! Una ricetta sorprendente che stupisce ancor di più perchè ideata da chef Eugenio Roncoroni, rockstar della carne e chef/patron di Al Mercato Steaks & Burgers, steak-house gourmet tra le più cool e apprezzate in città.

foto di Laura La Monaca

Una bomba di gusto che lascia soddisfatti anche i carnivori più accaniti. Io, da sempre scettico sul sapore di sostituti della carne in salsa veg, l’ho provato in anteprima qualche giorno fa e non vedo l’ora di rigustarlo. Una vera esplosione di sapori, bilanciata e accattivante che non fa rimpiangere il fatto che al posto della carne ci siano delle proteine vegetali.

Gli ingredienti? Un hamburger vegetale Heura Burger (a base di acqua, proteine di piselli europei, olio extravergine d’oliva, estratto di barbabietola, carota e mela, fibre vegetali, estratto di lievito, acido ascorbico (vitamina C), aceto, metilcellulosa, ferro, sale, spezie e vitamina B12), start-up spagnola da poco sbarcata in Italia che si distingue dalle concorrenti per aver creato un prodotto succoso e saporito utilizzando come grasso un estratto di olio extra vergine di oliva, a cui si combinano perfettamente gli altri protagonisti del Banh Mi Burger: una giardiniera in stile asiatico a base di carote, cetrioli e cavolo cappuccio con menta, coriandolo, basilico e zenzero, salsa tahina, avocado, burro di arachidi, cipolla fritta nella farina di riso e avocado, inseriti all’interno di un pane vegano tostato con olio di cocco. Il risultato è, per me, eccezionale e ogni morso mi ha regalato sensazioni uniche.

foto di Laura La Monaca

Il Banh Mi Burger è un omaggio che lo chef ha voluto fare alle sue origini (italo-americane), alla sua passione per i viaggi e agli ingredienti e ai sapori del mondo che da sempre caratterizzano la sua cucina, ideato e lanciato in occasione della recente Giornata Mondiale della Terra per sottolineare che la sostenibilità ambientale parte anche dalla cucina. Un tema caro a Roncoroni, convinto che al fianco del consumo di carne, pietanza irrinunciabile per lui come per tanti appassionati purchè anch’essa sostenibile (e proprio per questo lui utilizza da anni quella di Motta), possa tranquillamente convivere anche una proposta di piatti e ricette realizzate per chi segue un regime alimentare vegetariano e vegano, apprezzabile al palato anche anche da chi della proteina animale non vuole fare a meno.

Ed è per questo che i burger gourmet del menu dei suoi ristoranti sono disponibili anche in versione veg (proprio con il burger Heura), da gustare da oggi sul posto o in delivery.

foto di Laura La Monaca

Dove: Al Mercato Steaks & Burgers in via Sant’Eufemia 16 e in c.so Venezia 18 a Milano

Chef: Eugenio Roncoroni

Author: Claudio Burdi

Claudio Burdi, nasce e vive da sempre a Milano. Giornalista pubblicista dal 2005 e blogger ha scritto e scrive di nightlife, ristorazione, eventi, turismo, food&beverage e tendenze per diverse testate nazionali (Corriere.it, Vivimilano.it, Leggo, Blogo.it, Nightlife, Intown magazine, Mixer, 02blog.it etc.), fin dal 2001. Esperto di licensing ha collaborato con le principali agenzie del settore che gestiscono i diritti per realizzare merchandising e promozioni. E' inoltre, da quindici anni pr, press officer e organizzatore di eventi per diverse aziende in vari settori merceologici: dall'enogastronomia al turismo, dall'entertainment alla televisione, dal beauty agli accessori. Da sempre amante del buon bere, del buon cibo e dei viaggi, frequenta location ed eventi, in Italia e all'estero, dedicandosi e vivendo con passione e piacere il mondo della notte. Entusiasta ed eclettico ha fatto di molti suoi interessi e del suo stile di vita una professione. La sua vicinanza con il panorama dei pubblici esercizi, locali e ristoranti, che visita per diletto e per lavoro, gli hanno permesso di sviluppare una profonda conoscenza e una spiccata sensibilità sul mondo del beverage e della ristorazione

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *